Home » Immobiliare » Bancomat Obbligatorio per Professionisti

Bancomat Obbligatorio per Professionisti

Inviato da dbCasa blog 28 febbraio 2014 Commenti disabilitati su Bancomat Obbligatorio per Professionisti

Bancomat Obbligatorio per Professionisti
40% 2 4

Da marzo 2014 scatterà l’obbligo del bancomat per i professionisti e le imprese. 

Pubblicato il 27 gennaio sulla Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale che prevederà l’accettazione obbligatoria delle carte di debito per pagamento di beni, servizi o prestazioni professionali.

Qui riportiamo uno stralcio del “decreto sviluppo 2.0” – Dl 179/2012, e precisamente l’articolo 15, comma 4:

pos_obbligatorio_aziende

Legge bancomat obbligatorio per aziende e professionisti

Art 4. A decorrere dal 1° gennaio 2014, i soggetti che effettuano l’attivita’ di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito. Sono in ogni caso fatte salve le disposizioni del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231. 5. Con uno o piu’ decreti del Ministro dello sviluppo economico, ((di concerto con il Ministro)) dell’economia e delle finanze, sentita la Banca d’Italia, vengono disciplinati gli eventuali importi minimi, le modalita’ e i termini, anche in relazione ai soggetti interessati, di attuazione della disposizione di cui al comma precedente. Con i medesimi decreti puo’ essere disposta l’estensione degli obblighi a ulteriori strumenti di pagamento elettronici anche con tecnologie mobili. ((5-bis. Per il conseguimento degli obiettivi di razionalizzazione e contenimento della spesa pubblica in materia informatica ed al fine di garantire omogeneita’ di offerta ed elevati livelli di sicurezza, le amministrazioni pubbliche devono avvalersi per le attivita’ di incasso e pagamento della piattaforma tecnologica di cui all’articolo 81, comma 2-bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e delle piattaforme di incasso e pagamento dei prestatori di servizi di pagamento abilitati ai sensi dell’articolo 5, comma 3, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.)) ((5-ter. Al comma 5 dell’articolo 35 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: « La valutazione della conformita’ del sistema e degli strumenti di autenticazione utilizzati dal titolare delle chiavi di firma e’ effettuata dall’Agenzia per l’Italia digitale in conformita’ ad apposite linee guida da questa emanate, acquisito il parere obbligatorio dell’Organismo di certificazione della sicurezza informatica ».)) ((5-quater. All’articolo 21 del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, dopo il comma 4 e’ aggiunto il seguente:)) ((« 4-bis. E’ considerata, altresi’, scorretta la pratica commerciale che richieda un sovrapprezzo dei costi per il completamento di una transazione elettronica con un fornitore di beni o servizi ».))