Home » Immobiliare » La seconda casa per gli italiani è all’estero

La seconda casa per gli italiani è all’estero

Inviato da dbCasa blog 21 luglio 2011 Commenti disabilitati su La seconda casa per gli italiani è all’estero

La seconda casa per gli italiani è all’estero
80% 4 1

La seconda casa nei lidi stranieri. Il trend degli acquirenti italiani degli ultimi anni. Una moda che fa risparmiare gli investitori. L’investimento nella seconda casa all’estero vale doppio o, quantomeno, in questo momento costa la metà.

In Italia infatti il mercato immobiliare turistico è meno accessibile considerata la scarsità dell’offerta a fronte di prezzi molto alti.

E gli italiani comprano casa sulle isole e sulla penisola greca. Secondo Paola Gianasso di Scenari immobiliari. “Malgrado la crisi, nelle Cicladi, sul Dodecaneso o sul Peloponneso, in cui i prezzi non sono scesi parecchio e chi acquista per investimento può ottenere ritorni anche del 5/6% – riferisce – “Nella penisola iberica, invece, la bolla immobiliare ha avuto effetti devastanti, i valori sono calati a dismisura e i proprietari sono costretti a praticare sconti, nel contesto di un’offerta abbondante. Nelle isole Baleari, per esempio, si possono trovare buone occasioni nella fascia di medio livello, mentre a Minorca si può comprare a 2mila euro al metro quadro.”.

Chi dispone di un budget più alto si rivolge al patrimonio immobiliare della Costa Azzurra, dove i prezzi sono stabili da qualche anno e la domanda del cliente italiano si concentra su appartamenti dalle dimensioni spesso contenute, purché situati in zone di pregio.

Case più a buon prezzo invece in Croazia, dove i prezzi sono ancora sensibilmente inferiori rispetto alle altre località turistiche europee: Dubrovnik, Spalato, Pula o Reijeka. ”Chi compra nelle grandi metropoli è essenzialmente un investitore oppure investe per far studiare i figli coinvolti nei vari progetti Erasmus – aggiunge Gianasso – se prima andavano di più Londra e Cambridge, oggi si compra anche a Barcellona, Madrid e Parigi. I prezzi nelle capitali sono più cari ma le prospettive di rivalutazioni sono maggiori e non c’è il timore di un crollo dei prezzi”. Nella pesante crisi appena passata, infatti, i valori nelle grandi città sono scesi meno che altrove, in particolare nelle zone di prestigio.”. Per chi intende comprare casa oltre confine, ci sono società che non solo si occupano della compravendita, ma anche dell’eventuale affitto e della successiva gestione.