Home » Immobiliare » Visure Catastali Gratuite

Visure Catastali Gratuite

Inviato da dbCasa blog 25 ottobre 2011 Commenti disabilitati su Visure Catastali Gratuite

Visure Catastali Gratuite
60% 3 3

Può capitare di aver bisogno dei dati catastali della propria abitazione o di quella di un nostro parente, oppure conoscere la rendita catastale per stipulare un contratto di vendita o locazione.

Per chi ha bisogno di una visura online gratuita il servizio è disponibile sul sito dell’Agenzia del Territorio alla pagina visura catastale online

Il portale offre la possibilità di avere gratuitamente informazioni catastali di immobili previo l’inserimento dei dati: il proprio Codice Fiscale, Catasto (fabbricati/terreni), Comune, Sezione (i comuni più grossi si dividono in sezioni), Sezione urbana, Foglio, Particella e Subalterno.

Ed invece di fare lunghe file al catasto possiamo ottenere i dati utili per la stesura dei nostri contratti:

  • Indirizzo
  • Categoria (es. A/1, C/6, …)
  • Classe
  • Consistenza
  • Rendita (rendita dell’immobile espressa in Euro)

Soprattutto l’ultimo valore è indispensabile per la registrazione di un contratto di locazione, dato che con la nuova modulistica è espressamente richiesto di comunicare la rendita catastale dell’unità locata.

La consultazione gratuita della visura online permette anche un semplice controllo dei dati, magari già in nostro possesso, onde evitare spiacevoli inconvenienti dopo ore all’ufficio dell’entrate o brutte figure alla stipula di un compromesso dal notaio.

visura gratuita

visura catastale gratuita

Per i più attenti possiamo indicare con precisione quanto riportato tramite le visure gratuite del catasto:

Dati relativi agli immobili censiti al Catasto Fabbricati

  • Indirizzo: ubicazione dell’immobile, comprensiva del numero civico, scala, piano ed interno dell’unità immobiliare.
  • Zona censuaria: rappresenta una porzione omogenea di territorio comunale (ordinariamente è una sola per i comuni medio piccoli e più di una per le città più grandi), nell’ambito della quale la redditività dei fabbricati è da considerarsi uniforme. Può comprendere un solo comune o una porzione del medesimo, caratterizzati da similari caratteristiche ambientali e socioeconomiche. Per ogni zona censuaria esiste uno specifico “quadro tariffario” consultabile presso il locale Ufficio dell’Agenzia.
  • Categoria: identifica la tipologia delle unità immobiliari, presenti nella zona censuaria, differente per le caratteristiche intrinseche che ne determinano la destinazione ordinaria e permanente.
  • Classe: è un parametro che identifica il grado di produttività delle unità immobiliari appartenenti alle categorie dei gruppi A, B e C. Viene indicata con ‘U’ (unica) in assenza di una ripartizione in classi della categoria (ciò, in quanto, la redditività è omogenea all’interno del comune o della zona censuaria) ovvero con i numeri da ‘1’ad ‘n’ al crescere della redditività.
  • Consistenza: rappresenta la dimensione dell’unità immobiliare. Per le abitazioni e gli uffici (immobili della categoria A) è espressa in “vani”. Per i negozi, i magazzini, le rimesse (immobili della categoria C) è espressa in metri quadrati. Per gli immobili a destinazione collettiva (ospedali, caserme, ecc.) e’ espressa in metri cubi. Per gli immobili appartenenti alle categorie speciali dei gruppi D ed E non viene indicata la consistenza catastale.
  • Rendita: per le unità immobiliari appartenenti alle categorie dei gruppi A, B e C la rendita catastale è determinata moltiplicando la consistenza per la tariffa unitaria specifica per comune, zona censuaria e corrispondente alla categoria e classe. Per le unità immobiliari appartenenti ai gruppi delle categorie D ed E la rendita è determinata attraverso stima diretta.

Dati relativi agli immobili censiti al Catasto Terreni

  • Qualità: Tipo di macrocoltura agraria attribuita ad una particella del catasto terreni, o sua porzione, avente rilevanza ai fini della conservazione del catasto. Qualora la particella sia suddivisa in porzioni che presentano colturali diverse viene riportata la dicitura “Modello 26” senza ulteriori dettagli disponibili solo attraverso una visura ordinaria.
  • Classe: è un parametro che identifica il grado di produttività delle particelle interessate da una qualità di coltura. Viene indicata con ‘U’ (unica) in assenza di una ripartizione in classi della categoria (ciò, in quanto, la redditività è omogenea all’interno del comune o della zona censuaria) ovvero con i numeri da ‘1’ad ‘n’ dove la classe 1 rappresenta quella di maggior reddito.
  • ha: rappresenta la superficie in ettari del terreno
  • are: rappresenta la superficie in are del terreno
  • ca: rappresenta la superficie in centiare del terreno
  • Reddito dominicale: è costituito dalla parte del reddito medio ordinario retraibile dall’esercizio delle attività agricole, che spetta al proprietario del terreno. È correlato alla qualità del terreno ed alla sua produttività media ordinaria
  • Reddito agrario: è costituito dalla parte del reddito medio ordinario dei terreni imputabile al capitale di esercizio e al lavoro di organizzazione impiegati, nei limiti della potenzialità del terreno, nell’esercizio delle attività agricole. È correlato alla qualità del terreno ed alla sua produttività media ordinaria.